Attenti al Cookie Monster!

Manuale di teoria Patenti A e B - Edizione 2017


 Condividi

TRAINO DI UN VEICOLO IN AVARIA (GUASTO)

Un autoveicolo può trainare un veicolo che non sia un rimorchio solo se questo non può più circolare per avaria (guasto) o per mancanza di organi essenziali; inoltre, salvo il caso di trasporti eccezionali, nessun veicolo può trainare o essere trainato da più di un veicolo.

Il traino per situazione di emergenza deve avvenire attraverso un solido collegamento, come fune, catena, cavo, barra rigida, purché idoneamente segnalati per rendere i veicoli chiaramente avvistabili dagli altri utenti della strada (il veicolo trainato deve avere in funzione il lampeggio d’emergenza, cioè l’accensione simultanea delle 4 frecce o esporre il pannello di carico sporgente di fig. 302).

Alla guida del veicolo trainato deve sedersi una persona munita di patente, in grado di compiere tutte le manovre necessarie. È opportuno sapere che quando un veicolo guasto (a motore spento), munito di servosterzo, viene trainato, può risultare faticoso manovrare lo sterzo e che se il veicolo trainato ha le quattro ruote a terra il suo cambio va posizionato in folle.

Il conducente che traina un altro veicolo senza rispettare le relative prescrizioni sulla solidità e visibilità del collegamento è punito, tra l’altro, con la sottrazione di 2 punti dalla patente.

Il traino di un veicolo in avaria, da parte di un autoveicolo, non è ammesso sulle autostrade. È sbagliato dire che per guidare un’autovettura che traina un veicolo guasto, con conducente a bordo, occorre la patente di guida della categoria E o che la distanza fra i due veicoli, durante il traino, deve essere di almeno 3 metri.

Esercitati con WEBpatente su questo argomento: gruppo 744, gruppo 745