Attenti al Cookie Monster!

Manuale di teoria Patenti A e B - Edizione 2017


 Condividi

DISTANZA DI SICUREZZA

La distanza di sicurezza è la distanza da mantenere rispetto al veicolo che ci precede (davanti), per consentirci, in caso di pericolo, di fermarci in tempo, evitando la collisione, cioè senza tamponarlo.
Non è una misura fissa, ma quella minima deve essere almeno uguale (anche superiore, ma non inferiore) allo SPAZIO CHE IL VEICOLO PERCORRE DURANTE IL TEMPO DI REAZIONE (cioè ai metri che il veicolo percorre all’incirca in un secondo).

Deve essere COMMISURATA:
- alla velocità del veicolo di cui si è alla guida e a quella del veicolo che lo precede;
- alla prontezza di riflessi e alle condizioni psicofisiche (attenzione e concentrazione, stato di salute, ecc.) del conducente;
- alle condizioni del traffico;
- alle condizioni atmosferiche (pioggia, nebbia, neve);
- all’andamento planoaltimetrico della strada (ossia alla presenza o meno di salite o di discese);
- al tipo di veicolo che stiamo guidando e al suo stato di efficienza, con particolare riguardo all’efficienza dei freni (di servizio, non del freno a mano), alla condizione e all’aderenza degli pneumatici, all’entità del carico trasportato. Non dipende invece dal tipo di alimentazione (benzina, gasolio, GPL), dalla cilindrata o dalla potenza del motore, né dalla presenza del servosterzo, dalla marcia innestata, dal numero di marce o di ruote o dalla larghezza del veicolo.

Va sempre mantenuta (non ci sono condizioni in cui può essere diminuita o non rispettata), anche prima di iniziare un sorpasso e anche se si procede a bassa velocità; DEVE ESSERE AUMENTATA: quando si marcia in colonna, qualora sia difficile valutare il comportamento del conducente del veicolo precede o quando esso trasporta un carico sporgente, poco stabile.

La distanza da mantenere da una macchina sgombraneve o spanditrice di sale in azione è di m 20. Su strada extraurbana a una corsia per senso di marcia, la distanza di sicurezza fra veicoli adibiti al trasporto di merci di massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate, cui sia stato imposto il divieto di sorpasso (fig. 60), deve essere di almeno 100 metri.

È sbagliato dire che deve essere sempre uguale allo spazio di frenatura del veicolo o alla distanza di visibilità (che sono molto più grandi), che dipende dai veicoli che seguono (non esiste l’obbligo di controllare che essi rispettino la distanza di sicurezza) o da caratteristiche non rilevanti (dimensioni, potenza, limite di velocità, ecc.) del veicolo che precede o della strada percorsa (numero di corsie, ampiezza della carreggiata, ecc.).
Non esistono specifiche prescrizioni sul valore della distanza di sicurezza minima da mantenere nelle forti discese, in caso di maltempo (forte pioggia, nevicata), se si percorre la corsia d’emergenza o su strade extraurbane.

Esercitati con WEBpatente su questo argomento: gruppo 512, gruppo 513, gruppo 514, gruppo 515, gruppo 516, gruppo 517, gruppo 518, gruppo 519, gruppo 520