Attenti al Cookie Monster!

Manuale di teoria Patenti A e B - Edizione 2017


 Condividi

REGOLAZIONE DELLA VELOCITÀ

Si deve tenere una velocità che non costituisca intralcio alla circolazione o pericolo per la sicurezza di persone e cose e che consenta di intervenire con sicurezza in caso di imprevisti. Il conducente, infatti, deve sempre mantenere il controllo del veicolo ed essere in grado di arrestarlo nel campo di visibilità e in condizioni di sicurezza.

Nel regolare la velocità il conducente, oltre che dei limiti massimi consentiti, che devono sempre essere rispettati, deve tener conto dei seguenti fattori:
- le proprie condizioni psicofisiche;
- le caratteristiche, lo stato e il carico del veicolo;
- le condizioni della strada (caratteristiche, stato di manutenzione e pulizia);
- le condizioni atmosferiche;
- le condizioni del traffico.

In particolare, è obbligatorio regolare e moderare la velocità:
- nei tratti di strada a visuale non libera (curve, dossi);
- in prossimità delle intersezioni (incroci);
- nelle strettoie, nei passaggi ingombrati o quando risulta comunque difficoltoso l’incrocio con altri veicoli;
- nelle forti discese;
- nelle ore notturne;
- quando la strada è viscida, a causa di acqua, neve, ghiaccio, foglie o fango;
- in caso di forte vento laterale;
- in caso di nebbia o foschia (sulle autostrade e sulle strade extraurbane principali in caso di nebbia fitta con visibilità inferiore a 100 m, può essere imposto un limite di velocità non superiore a 50 km/h);
- in caso di abbagliamento dovuto al sole;
- in presenza di lavori in corso;
- se si incontra sulla strada il segnale di veicolo fermo (triangolo mobile di pericolo);
- nell’attraversamento di centri abitati o nei tratti di strada fiancheggiati da edifici (da cui potrebbero improvvisamente uscire persone);
- in presenza di pedoni che occupano la carreggiata per mancanza del marciapiede;
- in prossimità delle scuole e di luoghi frequentati dai bambini;
- in caso di traffico misto (presenza di veicoli lenti e veloci o di animali e pedoni che occupano la strada).

È sbagliato dire che la velocità deve essere regolata nelle strade a senso unico o provinciali, in funzione del tempo (riferito all’orario) che abbiamo a disposizione, della distanza del luogo da raggiungere, della velocità dei veicoli che seguono (bisogna piuttosto tener conto di quelli che precedono), della propria abilità alla guida, in vicinanza di postazioni di controllo della velocità (autovelox) oppure solo in presenza degli agenti del traffico (vigili) o di qualunque segnale stradale (anche se di indicazione).